.
Annunci online


 


con la stoffa di re Salomone e l'occhio rapido dello scugnizzo

 

Berlusconi pericolo atomico
post pubblicato in diario, il 27 febbraio 2009

Se per caso qualcuno ancora non se ne fosse accorto:
Berlusconi soffre di disturbi mentali gravi.



Ogni sua azione è dettata esclusivamente dal suo narcisismo,
frustrato dai sempre più numerosi fallimenti.



Il nostro Presidente del Consiglio continua a comportarsi come uno showman, ma il palco su cui oggi si muove non è il teatrino di una nave. Molti hanno tentato di farglielo capire, più volte, ma lui, a causa del suo stesso disturbo psichico, non è in grado di sopportare critiche, poiché le percepisce esclusivamente come attacchi personali, come offese che portano inevitabilmente all'ennesima frustrazione.



Non è un caso che i capi di governo con cui ha rapporti più stretti siano Putin e Gheddafi, due dittatori sanguinari e megalomani. Con entrambi ha sacrificato l'Italia siglando patti d'acciaio in virtù dei quali noi cittadini abbiamo tutto da perdere e niente da guadagnare.

    

 Così l'Italia cola a picco verso gli ultimi posti nell'Europa dei 27.
L'ennesima frustrazione, che lo fa sentire sempre più solo.
E va alla ricerca di sostegno psicologico presso Sarkozy,
sperando che l'appartenenza allo stesso schieramento politico in Parlamento gli sia d'aiuto.



Ovviamente, Sarkozy (che non è un fesso) approfitta della situazione per trarre vantaggio per il suo Paese. 

E a pagare anche stavolta saremo noi Italiani, che con Berlusconi e con i suoi accordi-capestro continueremo ad avere sempre tutto da perdere e niente da guadagnare.



E' triste constatare come l'Italia, che già ha vissuto un'esperienza simile con Mussolini, dalla Storia non abbia imparato nulla. Forse perché non ha mia fatto lo sforzo di studiare.

In un paese come il nostro,
dove non si è in grado di far fronte
 a fatti di ordinaria amministrazione,
dove anche la cosa più banale diventa
EMERGENZA



dove la comune spazzatura
rappresenta un dramma nazionale



la produzione di scorie nucleari
rappresenterebbe un serio pericolo
non solo per noi,
ma per l'intera Europa
e per il Nord Africa






gli "effetti collaterali" del nucleare gestito male
http://personalpages.to.infn.it/~maina/didattica/SIS/rel2000/silvestro/

Primaneve
post pubblicato in diario, il 19 febbraio 2009

 Ieri, la prima neve



ma nell'aria è già primavera con le mimose fiorite



colori delicati



danzano come ballerine



luminose e allegre



dai profumi inebrianti...



ci accompagneranno fino all'estate



tempo di libertà.

Ci scorderemo per un attimo di quel mondo
che ci scorre parallelo nel buio del dolore



dove i colori della gioia sono vietati
dove il profumo dell'amore è peccato



dove la bellezza va nascosta come qualcosa di scabroso



dove le bambine non ridono al sole



dove alle donne non è permesso profumare come fiori...

C'è un mondo buio
in cui le bambine a soli 9 anni
sono costrette a diventare "mogli"
di vecchi bavosi
e non hanno
alcuna possiblità concreta
di difendersi.
Chi ci ha provato
si è ritrovata sfregiata con l'acido
o morta.


La gioia della primavera alle porte
mi provoca un dolore sordo
se penso a questo!

Sardegna suicida
post pubblicato in diario, il 17 febbraio 2009

Guardarti mi spezza il cuore
ché già ho nostalgia di te.

Domani altro cemento colerà sul mirto
Domani orde indegne intorbideranno la tua acqua saltellando a tempo
nella puzza di benzina d'acquascooter.

Sardegna
amore a prima vista
oggi ti vedo morire.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sardegna

permalink | inviato da momovedim il 17/2/2009 alle 12:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Il volo magico
post pubblicato in diario, il 13 febbraio 2009
Mia nonna, l'unica che ho conosciuto, quella paterna, profumava di fresco, era magrissima, aveva una sedia a dondolo per me enorme, suonava il mandolino con dita lunghe e sottili e cantava con voce che mi ricordava le mandorle. Da un certo punto in poi, quando ritenne di essere vecchia abbastanza, cominciò ad avere molta cura di sé, come una ragazzina innamorata che non sa fino a che punto si spingerà col suo amato durante quell'incontro.
 

Pablo Picasso - Ragazza con mandolino

 

Un giorno, il suo amore segreto la portò via felice con sé. Qualcuno disse volata in cielo. Una nonna come lei ero sicuro che prima o poi avrebbe fatto qualcosa di sorprendente. Cercai di essere felice per lei, così non mi sembrò troppo brutto non doverla rivedere più.

 
Spero anch'io di poter fare quella magia un giorno. Quando sarà il momento. E spero di farmi trovare anch'io fresco e in ordine per quell'occasione unica. Sicuramente lascerò quaggiù qualcosa d'incompiuto, perché mi piace iniziare sempre cose nuove prima di averne concluse altre. Spero di poter lasciare i miei figli in buone mani e magari di aver conosciuto un paio di nipoti ai quali cantare delle canzoni accompagnandomi col bouzouki.
 
Se dovesse andare diversamente, chiedo che nessuno si intrometta fra me e i miei tentativi di magia. Voglio respirare solo fintanto che il mio diaframma ce la farà, voglio che il mio cuore pulsi solo finché ne avrà la forza. Non voglio che marchingegni infernali m'impediscano la libertà e procurino sofferenza ai miei cari. Non voglio che il mio corpo, quando ormai non mi apparterrà più, sia venerato come un feticcio né vivo né morto.
 
Mi raccomando, se non avrò la forza di farlo io, scacciate voi i parassiti umani che cercheranno di avvicinarsi a me e ai miei cari. Non permettete a nessuno che si arroghi poteri sacri di stare a meno di 20 metri.
 
Se con i miei organi è possibile salvare la vita a qualcun altro, fatelo subito! 
 
Il resto, scegliete voi dove metterlo: sottoterra, in pasto ai pescecani o ceneri al vento, per me fa lo stesso... E se proprio avete voglia di farmi una lapide, vi consento solo un piccolo Maghen David e il mio nome in caratteri ebraici.
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. testamento biologico

permalink | inviato da momovedim il 13/2/2009 alle 10:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Zio Shuny !
post pubblicato in diario, il 9 febbraio 2009



Non hai idea di quanto si senta la tua mancanza quaggiù...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Zio Shuny ebrei Israele

permalink | inviato da momovedim il 9/2/2009 alle 11:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Piove ancora su Sderot
post pubblicato in diario, il 8 febbraio 2009

Mentre continuano a piovere missili su Israele, ascoltate il silenzio-assenso dei nostri media.

Solo molto sottovoce è arrivata una flebile smentita di tutte quelle cifre gonfiate e ancor più sottovoce l'ONU ha ammesso che nella sua scuola non c'era nessuno, ma che sono morte le persone che erano assiepate là fuori, costrette da loro connazionali aguzzini a morire sotto i bombardamenti.

Oggi nel Sud di Israele la vita continua a essere scandita dalle sirene d'allarme, dalle corse affannose ai rifugi, dai missili lanciati da chi vuole uccidere.

Ma adesso nel mondo tutt'attorno nessuno più urla e manifesta.

Un essere immondo a capo del Governo
post pubblicato in diario, il 7 febbraio 2009

Berlusconi difende la privacy, perché non ne può più dell'uso smodato delle intercettazioni telefoniche che stanno decimando i suoi fan club.

Così è diventato paladino della privacy. Sì proprio lui, il proprietario del network televisivo in cui si fa a gara a chi vomita di più, in cui l'entrata in scena di una donna è caratterizzata da inquadrature che ricordano più una visita ginecologica che non un varietà.



Con la faccia di culo di chi sa di essere coccolato come un santino dall'intera malavita organizzata, Berlusconi oggi difende la privacy.

Dopo cinque minuti, di quella stessa privacy se ne sbatte totalmente, e punta il dito sulla famiglia Englaro, esordendo:
«Non capisco come ci possano essere persone che non siano d'accordo con noi!»

E' una caricatura di se stesso, con tanto di plurale majestatis.

Cosa avrà mai fatto di male, la famiglia Englaro, per meritarsi la sua attenzione?

In realtà niente, ma fa comodo che in questo momento i riflettori si spostino dalla politica a un caso doloroso, che monopolizzi l'attenzione dell'opinione pubblica. E più si fa chiasso, meglio è. Tanto a lui della privacy interessa solo quando si tratta d'impedire le intercettazioni telefoniche.

Così, non si fa scrupolo a seminare odio e a far apparire il signor Englaro come un mostro:
«A me sembra che non ci sia altro che la volontà di togliersi di mezzo una scomodità».

Io ne ho conosciuti di uomini di merda, ma come Berlusconi non c'è pari.

Così rincara la dose: «Se uno dei miei figli fosse lì, vivo e, mi dicono, anche con un bell’aspetto e con delle funzioni come il ciclo mestruale attivo e con la capacità di potersi risvegliare visto che il cervello trasmette ancora segnali elettrici, io non me la sentirei proprio di staccare la spina»

Poi, finita la vomitata sugli Englaro, ritorna al suo consueto odio per la Legge. E, come solo un gangster potrebbe fare, prende a diffamare ciò che un normale Presidente del Consiglio dovrebbe considerare sacro: la Costituzione della Repubblica Italiana.

«Mi sono più volte anche pubblicamente lamentato, del fatto che la nostra legge fondamentale dà alle imprese poco spazio. La formulazione dell'articolo 41 e seguenti risente delle implicazioni sovietiche che fanno riferimento alla cultura e alla costituzione sovietica da parte dei padri che hanno scritto la Costituzione»

E' vero, la nostra Costituzione dà poco spazio all'impresa malavitosa.

Articolo 41
"L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con la utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali".

Spero che Berlusconi finisca al più presto in malora e gli auguro tanti guai quanti capelli s'è fatto trapiantare su quella sua zucca vuota.

Il falegname mancato
post pubblicato in diario, il 3 febbraio 2009

Da quel corpo l'anima è volata via 17 anni fa.

Ma attorno a quel corpo
si radunano come sciacalli
i Cavalieri della Vita.


il cavaliere Barragan

Poco più in là
bravi ragazzi
con la tanica di benzina
giocano all'uomo in fiamme.

Ma i Cavalieri della Vita
hanno altro a cui pensare:
la Vita vera
quella che conta
è la Vita senz'anima
di corpi in coma
di feti non ancora vitali
di semplici spermatozoi.

Se quel tizio 2000 anni fa
avesse mai immaginato i guai
che avrebbero procurato in futuro
tutte le sue chiacchiere
prima a sé e alla sua gente
poi al mondo intero
sicuramente avrebbe fatto il falegname
come suo padre.

Sfoglia gennaio        marzo




















calendario


MomoMusic







cerca