.
Annunci online


 


con la stoffa di re Salomone e l'occhio rapido dello scugnizzo

 

"Abbattiamo i muri !"
post pubblicato in diario, il 26 gennaio 2013
Gli Israeliani sono fissati coi muri
Vanno a pregare al MURO DEL PIANTO
Innalzano il MURO DELLA VERGOGNA
E poi costruiscono CASE per dare alloggio alle giovani coppie!

Che scandalo, che inciviltà!

Ed è giusto che si scrivano pagine e pagine sui giornali
contro il MURO DELLA VERGOGNA che impedisce di lavorare
a chi vuole farsi saltare i aria.

Ed è sacrosanto che la diplomazia internazionale protesti
contro questo scempio.

E' giusto invece ciò che si sta compiendo in Siria.

Lì, i muri li abbattono.
E la comunità internazionale
sta a guardare serena.

















Terroristi contro il terrore?
post pubblicato in diario, il 1 luglio 2011
Ora che gli USA andranno in pensione, chi combatterà contro il terrorismo internazionale?
I terroristi stessi, è ovvio!
C'è da fidarsi?
Massì! e c'è pure il sito:
http://www.peacetribune.com/

Così a Teheran si incontrano pezzi da novanta ospiti dell'attuale numero uno, Ahmadinejad. Il tutto dettagliatamente documentato su PressTV, nuovo canale allnews iraniano in lingua inglese.

Ecco un bellllisssssimo servizio in due puntate:
http://www.youtube.com/watch?v=8_JNiJo2MtE&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=QGd6iIb5LFY

E chi fa capolino fra i grandi ospiti, oltre il doppiogiochista Gillani e il macellaio Bashir ricercato per crimini di guerra?
Indovinate un po'?

Eccolo qua, Yisroel Dovid Viess, uno di quei malati di mente di Naturei Karta. Poteva mai mancare? Certo che no e il canale Sahar 1 lo mette in mostra e gli dedica dei bei primi piani in cui si esibisce in un vero e proprio comizio delirante contro Israele.




Violenza per educare alla violenza
post pubblicato in archivio, il 15 settembre 2010
L' addestramento dei cani da combattimento può avvenire solo grazie a crudeltà e torture, che coinvolgono anche il cane da "preparare". L' animale viene prima incappucciato, poi frustato e picchiato, con lo scopo di fare crescere la sua rabbia. Quando è sufficientemente aggressivo e "pronto" per la prova, viene liberato davanti a un cagnolino qualsiasi, spesso trovato per strada o rubato, che viene letteralmente fatto a pezzi. (fonte)

Il trattamento subito dagli animali coinvolti è crudele: l’addestramento è un percorso di maltrattamenti sistematici, quotidiani, che devastano la psicologia dei cani. A questo va aggiunto la morte degli animali nel corso dei combattimenti. (fonte)


Gheddafi di nuovo a Roma
post pubblicato in archivio, il 29 agosto 2010
Del suo alito pestilenziale nessuno sentiva la mancanza ma nemmeno della sua brutta faccia. La Guida della Rivoluzione Libica è giunta a Roma in "lieve ritardo", come precisa col giusto tono reverenziale e sottomesso gran parte della stampa italiana. Lui ha portato con sé una trentina di cavalli da abbeverare e sfamare (che in cambio cacheranno sul nostro "amato suolo"); inoltre è stato accolto dai 200 sorrisi perfetti delle escort che lui stesso ha scelto fra le più islamicamente fighe sul catalogo online.

La sua visita serve a ricordarci che sono passati già due anni dalla firma di quel contratto-capestro che il nanerottolo nostrano impose all'Italia senza consultarne il parere, come suo solito. Del resto, a un vice come lui non è dato ascoltare la plebe neanche come passatempo.

Spero che l'incontro fra i due dittatorelli mediterranei sia costellato di gaffes e figure di merda da entrambe le parti. Oramai che siamo alla frutta... è meglio ridere che piangere!


Starò sempre dalla parte di Israele
post pubblicato in diario, il 1 giugno 2010
Baciamani...
post pubblicato in diario, il 29 marzo 2010
Una questione gerarchica...









Ciascuno bacia la mano del proprio Padrino.
72 ragazze per me posson bastareeee...
post pubblicato in diario, il 20 febbraio 2010
Due libri da non perdere
post pubblicato in diario, il 15 ottobre 2009
Oggi voglio fare un po' di pubblicità a due libri che potrete acquistare presso la stessa casa editrice Salomone Belforte & C.

Il primo è di Giulio Meotti e s'intitola "Non smetteremo di danzare".


Il dottor David Applebaum e la figlia Navah, uccisi al Cafè Hillel di Gerusalemme, 9 settembre 2003
Shmuel Gillis, ucciso sulla strada fra Gerusalemme e Hebron, 1 febbraio 2001
Aharon Gurov, ucciso a Nokdim, 25 febbraio 2002
Il rabbino Yosef Dickstein e la moglie Hannah, uccisi a Hebron, 26 luglio 2002
Shuv’el Tzion Dickstein, nove anni, ucciso a Hebron con i genitori, 26 luglio 2002
Marina, Alex e Liz Katsman al matrimonio di Marina; Liz è stata uccisa da un kamikaze ad Haifa, 5 marzo 2003
Tali Hatuel, uccisa a Gush Katif il 2 maggio 2004, insieme alle figlie Hila (11), Hadar (9), Roni (7) e Merav (2); Tali aspettava un altro figlio...



«Giulio Meotti ci ha dato una commovente opera di cordoglio in memoria delle innumerevoli vittime della nuova ondata di antisemitismo. Lasciateci sperare che questo libro risvegli gli europei sui loro doveri verso gli ebrei, la cui veglia lungo i secoli è stata un esempio per tutti noi.» 
Roger Scruton




Il secondo libro in vetrina è:



Titolo IL REGALO DI BERLUSCONI. COMPRARE UN TESTIMONE, VINCERE I PROCESSI E
DIVENTARE PREMIER
Autore GOMEZ PETER; MASCALI ANTONELLA
Prezzo
€ 15,00
Genere SAGGISTICA (POLITICA)
Anno 2009
Editore CHIARELETTERE



A colpi d'ascia
post pubblicato in diario, il 4 aprile 2009

Se oggi inserisco in google la frase "a colpi d'ascia" non trovo articoli sui boscaioli, ma la notizia raccapricciante di un assassino che ha ucciso due ragazzini per il solo fatto che fossero ebrei.

Il sito di RaiNews24 riporta così i fatti:

Cisgiordania, ragazzo israeliano ucciso a colpi d'ascia
L'attacco in un insediamento ebraico in Cisgiordania nel quale e' stato ucciso a colpi d'ascia un ragazzino di 13 anni e ferito un bambino di 7 e' stato rivendicato dalla Jihad Islamica e dal "Gruppo Imad Mughniyeh". Lo ha riferito la radio dell'esercito israeliano. Le forze di sicurezza israeliane -riferisce il sito web del quotidiano 'Haaretz'- stanno setacciando l'area (a Bat ayin, nel blocco di insediamenti Etzion, a sud di Gerusalemme), alla ricerca del terrorista. Secondo fonti dei servizi d'emergenza israeliani (Magen David Adom), tra le vittime un bimbo di 7 anni ferito con colpi d'ascia alla testa.

Sul sito www.israele.net:

Ucciso a colpi di ascia da un terrorista palestinese giovedì pomeriggio a Bat Ayin (Gush Etzion, Cisgiordania) Shlomo Nativ, 16enne israeliano; ferito gravemente anche un bambino di 7 anni. L’aggressore si è poi dato alla fuga. Rivendicazione sia del braccio armato di Fatah che di quello della Jihad Islamica palestinese. Israeliani abitanti nel territorio imputato l’attentato al recente allentamento dei posti di blocco.

Aspiranti "martiri"
post pubblicato in diario, il 3 aprile 2009

 MOSCHEA SAN MARCELLINO: INQUIETANTI RETROSCENA SU TIFO PER MARTIRIO

CASERTA - Restano tarati sul livello d'allarme i sensori dell'antiterrorismo in Italia. Questa volta la rete della Polizia è stata tirata su un gruppo di magrebini residenti in varie città che inneggiavano al martirio per la causa islamica e auspicavano un seguito agli attentati dell'11 settembre. Sono 26 gli indagati per associazione a delinquere con finalità di terrorismo, quasi tutti algerini. Si tratta di immigrati regolari, in gran parte operai, che avrebbero tenuto collegamenti con associazioni islamiche integraliste. L'operazione, condotta dalla polizia di prevenzione(Ucigos) e coordinata dalla Procura della Repubblica di Venezia, ha avuto per epicentro Vicenza, dove sono state eseguite 8 perquisizioni, per altrettanti indagati, 7 algerini e un nigeriano. Uno di essi era stato già coinvolto a Vicenza nell'inchiesta su un gruppo Salafita, vicino ad Al Qaida, che nel 2006 aveva portato a 5 arresti. Persone poi assolte nel processo. Nel mirino dei magistrati sono finiti anche due imam, uno attivo nel casertano, il secondo presso la moschea di Via dei Mille a Vicenza. Quest'ultimo, uno yemenita, è in realtà un predicatore itinerante, chiamato di volta in volta dalle comunità islamiche presenti sul territorio italiano. Sarebbe conosciuto come un integralista, che chiede il rispetto totale delle regole del Corano; fra queste, l'obbligo di dare assistenza e ospitalità ai confratelli. Proprio il supporto logistico in favore dei clandestini provenienti dal Maghreb è uno dei punti cardine dell'inchiesta, che ha portato a perquisizioni in sei regioni, nelle province di Vicenza, Venezia, Padova, Brescia, Firenze, Caserta, Como, Cuneo e Trento. Un'indagine "preventiva" - viene sottolineato negli ambienti dell'antiterrorismo - scattata non sulla base di prove riguardanti progetti di attentati o azioni dimostrative, ma per disarticolare una rete che dava assistenza e supporto logistico a clandestini che potevano così spostarsi in vari Paesi d'Europa. Una base di questa rete, secondo l'accusa, gravitava attorno all'imam della moschea di San Marcellino, nel casertano. Agli immigrati venivano offerti ospitalità, assistenza economica e documenti contraffati per restare sul territorio nazionale ed anche per spostarsi agevolmente in area Schengen. Agli indagati è infatti contestata anche l'associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina. Le perquisizioni, coordinate dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, hanno portato al sequestro di molto materiale cartaceo e di un personal computer (nella casa di un indagato a Padova), che ora dovranno essere analizzati. Gli indagati, da quanto si è appreso, definivano gli attentati dell'11 settembre 2001 una "prova" della grandezza dell'Islam e il "martirio" un modello di lotta, la strada da seguire nel conflitto islam-occidente. Le indagini della Questura di Venezia, sviluppate capillarmente anche in ambito internazionale, hanno documentato il notevole fanatismo ideologico-religioso di alcuni degli indagati, che auspicavano non solo la caduta dell'attuale Governo algerino, ma erano anche animati da profondo rancore nel confronti degli italiani, degli ebrei, e da disprezzo verso la cultura occidentale.
3 APRILE 2009
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=16745)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. terrorismo islam fondamentalismo

permalink | inviato da momovedim il 3/4/2009 alle 10:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre        febbraio




















calendario


MomoMusic







cerca