.
Annunci online


 


con la stoffa di re Salomone e l'occhio rapido dello scugnizzo

 

Diliberto - Reibman 0:1
post pubblicato in diario, il 5 maggio 2009

Fa piacere pubblicare certe notizie:

BANDIERE DI ISRAELE BRUCIATE

REIBMAN NON DIFFAMO' DILIBERTO

Oliviero Diliberto sconfitto al Tribunale Civile: aveva querelato per un milione di euro Yasha Reibman, portavoce degli ebrei milanesi, che dopo un corteo pro Palestina con bandiere d'Israele bruciate, nel 2006, aveva accostato il leader del Pdci a quello della Fiamma Tricolore, parlando di "spacciatori di antisemitismo" e di "diffusione, magari inconsapevole, di pregiudizi". Parole che rientrano nel diritto di critica: il giudice ha respinto la richiesta di danni perché Reibman "non ha offeso la persona, ma ne ha criticato l'operato politico", spiega il suo avvocato Marco Teardo. "Per fortuna, in Italia si può dissentire, anche da un ex Guardasigilli", commenta Reibman. Diliberto si era sentito "offeso" per l'accostamento all'antisemitismo e aveva definito "imbecilli" gli autori del rogo. "Ancorché sbagliata, rispetto la sentenza". (Corriere della Sera, 4 maggio 2009, pag 12)


                

Sfoglia aprile        giugno




















calendario


MomoMusic







cerca