.
Annunci online


 


con la stoffa di re Salomone e l'occhio rapido dello scugnizzo

 

Cari Tedeschi
post pubblicato in diario, il 6 giugno 2011
Cari Tedeschi.

Ricordate il 1973 a Napoli, quando ci fu il colera? Era fine agosto, gli Italiani ritornavano a casa abbronzati dalle vacanze, mentre voi vi riversavate qui numerosi e, bianchicci come i malati di Lourdes, invadevate pacificamente il nostro Porto in attesa d'imbarcarvi per Ischia.

Vi affollavate lì nella zona in cui l'infezione era più diffusa. Ed eravate sporchi, sudati per il lungo viaggio in autobus privi di servizi igienici, oppure portavate con voi quintali e quintali di merda nei wc dei vostri caravan...

Ecco, avremmo potuto dire che il colera ce l'avevate portato voi. So che non è vero, ma alla luce degli avvenimenti odierni, credo che ve lo sareste meritato! Non per i vostri (allora vicinissimi) trascorsi storici, che purtroppo ci accomunano in quota tutt'altro che trascurabile, ma per la vostra superbia, per la vostra arroganza, per i vostri vecchi nazisti storpi spediti dalla vostra mutua in giro per i nostri luoghi più ameni, rendendoli in tal modo spettrali e agghiaccianti.

Avremmo potuto insinuare che il colera ce l'avevate portato voi... eppure a nessuno di noi è mai passata per la testa, neanche per un istante, una carognata simile!!

Voi invece non vi siete fatti scrupolo a incolpare gli agricoltori spagnoli per un batterio che voi stessi avete prodotto!! E neanche riuscite a capire se col biogas o con i vostri fottutissimi germogli di soia che, fra l'altro, vi servono solo per darvi un tono...
Sfoglia maggio        luglio




















calendario


MomoMusic







cerca